Somministrazione di farmaci attraverso sondino naso gastrico o peg

La somministrazione dei farmaci attraverso una sonda gastrica implica alcuni accorgimenti: vediamo quali.


L’atto di far assumere delle sostanze terapeutiche, medicinali, attraverso sonda consiste nell’introduzione di un farmaco in forma liquida direttamente nello stomaco o nell’intestino tenue.



Le persone portatrici di sondino naso gastrico o peg mantengono inalterate le loro funzioni di assorbimento dei farmaci ed è quindi possibile continuare o iniziare una terapia attraverso la via gastroenterica, tuttavia occorre seguire alcuni accorgimenti per non alterare le caratteristiche del farmaco. Prima di somministrare un farmaco con sonda bisogna sospendere momentaneamente l’alimentazione enterale anche se il farmaco è in forma liquida, per il rischio di precipitazione degli alimenti o dei farmaci e ostruzione della sonda.



Se possibile è meglio preferire le forme farmaceutiche liquide, diluendo il preparato prima della somministrazione in modo da ridurre l’osmolarità di alcuni eccipienti. Se non è possibile somministrare il farmaco in forma liquida, ma è necessario ricorrere alle compresse, prima di somministrarle bisogna frantumarle finemente tranne nel caso di compresse a lento rilascio (formulazioni retard), per il rischio di picchi di concentrazione, e di compresse gastroresistenti. In questi 2 casi non è possibile frantumare le compresse, ma è necessario ricorrere a forme di somministrazione alternative consultando il medico.

Le capsule possono essere svuotate e messe in soluzione a eccezione di quelle di gelatina molle, che potrebbero contenere liquidi non solubili in acqua.


Atti di supporto prima dell’esecuzione della somministrazione:

  • Preparare i farmaci prescritti;

  • Procurarsi un fonendoscopio;

  • Procurarsi uno schizzettone (siringa da 60ml);

  • Procurarsi una bottiglia di acqua;

  • Procurarsi un trita pasticche;

  • Lavare le mani;

  • Far assumere alla persona una posizione semi seduta o seduta;

  • Verificare la sospensione della nutrizione enterale totale;


Procedura di somministrazione:

  • Verificare il corretto posizionamento del sondino nello stomaco o nell’intestino tenue;

  • Aspirare circa 20 – 30 ml di acqua con lo schizzettone e lavare il sondino;

  • Chiudere il sondino con l’apposito bloccaggio;

  • Versare il farmaco nel presidio dosatore, controllando la giusta dose; frantumare le compresse con apposito frantuma compresse; diluirlo quando necessario per favorire la completa aspirazione con lo schizzettone;

  • Aspirare con lo schizzettone tutto il farmaco;

  • Raccordare lo schizzettone con il sondino;

  • Iniettare lentamente il preparato farmaceutico e al termine richiudere la sonda;

  • Lavare la sonda con 20-30ml di acqua.

  • Richiudere la sonda

  • Controllare le condizioni cliniche della persona verificando l’eventuale comparsa di effetti avversi.

Atti di supporto dopo la procedura:

  • Aiutare la persona ad assumere la posizione preferita;

  • Smaltire il materiale monouso;

  • Lavare il trita compresse;

  • Lavare le mani.

168 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti